Ricerca

Prenota un traghetto per la Sardegna per fare una vacanza ad Alghero ⟶ Il porto più vicino è PORTO TORRES

Cosa vedere ad Alghero

Domande Frequenti

Cosa vedere ad Alghero

Alghero è una suggestiva città situata sulla costa nord ovest della Sardegna a pochi minuti da Sassari, tra Stintino, Porto Torres e Bosa. Questa incantevole location dalla chiara influenza catalana è costellata di storia, circondata da paesaggi mozzafiato e spettacolari attrazioni. Un vero e proprio MUST VISIT durante una vacanza in Sardegna, un territorio tutto da scoprire.

Cosa visitare ad Alghero e dintorni:

  • Area Marina Protetta di Capo Caccia e Isola Piana;
  • Panoramica Litoranea Bosa Alghero;
  • Il Parco Regionale di Porto Conte;
  • La Grotta di Nettuno.

 

Come visitare Alghero e dintorni:

 

Promontorio di Capo Caccia

L’Area Marina Protetta di Capo Caccia e Isola Piana è una zona di particolare interesse ambientale e naturalistico che si estende per circa 35-36 km di costa nei pressi di Alghero, nella zona Nord Occidentale della Sardegna.

 

Quali attività si possono fare nell’AMP Capo Caccia – Isola Piana?

Le attività consentite nell’Area Marina Protetta Capo Caccia – Isola Piana sono regolate dall’ente gestore. Oltre alle consuete attività di ricerca che si effettuano in zone di così elevata rilevanza si possono effettuare:

  • visite guidate ed escursioni in barca nell’Area Marina Protetta;
  • attività di Sea Watching e Snorkeling;
  • immersioni, attività di Diving e di apnea;
  • noleggio gommoni e barche;
  • pescaturismo.

 

Quali animali posso vedere facendo snorkeling o immersione?

L’Area Marina Protetta Capo Caccia e Isola Piana è un vero e proprio concentrato di biodiversità grazie soprattutto all’elevata presenza di diverse tipologie di habitat. L’elevatissima presenza di specie di alto interesse ha fatto in modo che l’area sia stata dichiarata anche Area Specialmente Protetta d’Importanza Mediterranea.

Tra la flora e la fauna che è possibile avvistare nell’area di Alghero durante escursioni snorkeling e immersioni subacquee ci sono:

  • colonie di corallo rosso (Corallium rubrum) da cui prende il mome l’omonima riviera;
  • l’aragosta (Palinurus elephas) comune nella zona di Alghero;
  • il gamberetto parapandalo;
  • madrepore e gorgonie (Paramuricea clavata);
  • la nacchera, la conchiglia bivalve più grande del mediterraneo (Pinna nobilis);
  • spugne (genere Clathrina) e cnidari (Parazoanthus axinellae);
  • Posidonia oceanica presente in vaste praterie dove viene custodita questa splendida biodiversità.

 

È possibile vedere i delfini ad Alghero?

Nell’area di Alghero è molto facile vedere i delfini perchè nella zona dell’Area Marina Protetta sono presenti e vivono stabilmente molti delfini (Tursiops truncatus). Talvolta in casi particolarmente fortunati è possibile incontrare anche animali come la stenella, la balenottera comune e tartarughe marine come la Caretta caretta.

Tra l’avifauna avvistabile durante le escursioni in barca sono presenti esemplari di berta maggiore e l’uccello delle tempeste e tra i rapaci esponenti di falco pellegrino.

 

 

La Grotta di Nettuno

Capo Caccia è un importante e conosciuto promontorio di natura calcarea situato a circa 20 km a nord di Alghero che racchiude una formazione carsica davvero sbalorditiva: la grotta di Nettuno. La grotta è “una cosa da vedere assolutamente almeno una volta nella vita”, è un attrazione suggestiva e mozzafiato. La sua bellezza è stata anche immortalata nel 1978 nel film L’isola Degli Uomini Pesce di Sergio Martino con Barbara Bach come protagonista.

 

Quando fu scoperta la Grotta di Nettuno?

La storia della sua scoperta si perde nella notte dei tempi poichè non si conosce realmente la data esatta. Certamente non sembra verosimile che le antiche popolazioni che abitavano la zona non vi siano mai entrate; è altrettanto certo che nelle grotte situate nei dintorni esistano resti di insediamenti umani. Tuttavia ad oggi si tende a far risalire la prima documentata scoperta della grotta intorno alla fine del 1700 ad opera del pescatore algherese Ferrandino.

 

Come raggiungere la Grotta di Nettuno ad Alghero?

La famosa grotta di Nettuno è raggiungibile essenzialmente in due modi:

  • Via terra: la grotta di Nettuno dista poco più di 20 km dal centro di Alghero quindi si raggiunge in circa 20-25 minuti. Verso nord in auto o autobus in direzione Fertilia Aeroporto Alghero, si imbocca la Strada Statale 127 Settentrionale Sarda e si raggiunge il promontorio di Capo Caccia dove si trova la Escala del Cabirol che con i suoi oltre 600 gradini conduce all’ingresso della Grotta;
  • Via mare: la Grotta di Nettuno è raggiungibile via mare a bordo delle imbarcazioni che ogni giorno effettuano gite ed escursioni alla Grotta di Nettuno partendo dal Porto di Alghero o dal molo di Porto Conte. L’ingresso alle grotte è al livello del mare, pertanto è possibile solo in caso di condizioni meteo marine favorevoli. Durante il tour in barca per raggiungere la grotta si ammira la famosa Riviera del Corallo ed i promontori di Capo Galera e Punta Giglio. Una volta raggiunto Capo Caccia in barca si trova l’ingresso della grotta nei pressi dell’Isola Foradada.

 

Quanto è lunga la scala che porta alla Grotta di Nettuno?

La Escala del Cabirol è composta da 654 gradini, se decidi di raggiungere la Grotta di Nettuno via terra ricordati che ci sono 654 gradini in discesa per raggiungere l’ingresso e poi… 654 gradini da salire = 1.308 😄. La Escala del Cabirol venne aperta nel 1954, la sua realizzazione è attribuita all’architetto e filosofo Antoni Simon Mossa. La scalinata è lunga circa 400 metri e si articola lungo una scogliera a picco sul mare alta circa 120 metri. Il suo nome Escala del Cabirol – letteralmente in Catalano “Scala del Capriolo” – è presumibilmente dovuto al suo andamento zigzagante lungo la parete, che ricorda i caprioli che salgono e scendono con agilità dalle pareti rocciose.

 

Quanto è lunga la Grotta di Nettuno?

La grotta di Nettuno è lunga circa 4 km, il percorso turistico attualmente visitabile è di qualche centinaio di metri dove sono presenti ampi saloni sotterrani, laghetti, gallerie, cunicoli e incredibili formazioni di colonne, stalattiti e stalagmiti. La prima sala che si vede è la sala dove si trova il Lago La Marmora vicino alla maestosa stalagmite di circa 2 metri chiamata Acquasantiera. Le attrazioni della Grotta di Nettuno visitabili sono:

  • La Sala delle Rovine;
  • La Sala della Reggia;
  • La Spiaggia dei Ciottolini;
  • L’Albero di Natale;
  • La Sala Smith con il Grande Organo;
  • La Cupola;
  • La Sala delle Trine e Merletti;
  • La balconata chiamata Tribuna della Musica.

 

Cosa significa carsismo o formazione carsica?

Il carsismo è un’attività chimica esercitata dall’acqua in presenza di rocce calcaree. L’acqua che filtra nella roccia calcarea, dapprima DISSOLVE e porta con sè i minerali e successivamente COSTRUISCE depositando i minerali. Questo processo va a formare le stalattiti che pendono dal soffitto (se l’acqua evapora prima di gocciolare) e le stalagmiti che si innalzano dal pavimento (se l’acqua evapora dopo essere caduta al suolo). Se vuoi vedere una formazione carsica devi visitare la Grotta di Nettuno ad Alghero.

 

 

Prenota una escursione ad Alghero su yepsea.com